Focus 41. Il dito e la luna. Perché in Italia i carburanti costano troppo

I prezzi dei carburanti per autotrazione in Italia sono troppo alti, ma la vera causa è l'eccessiva imposizione fiscale, non il comportamento scorretto delle compagnie petrolifere.


17 Gennaio 2007

Argomenti / Ambiente e Energia , Politiche pubbliche

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

È importante procedere alla liberalizzazione della distribuzione dei carburanti, ma seguendo principi di equità.

La rete di distribuzione dei carburanti in Italia è assai inefficiente e costituisce uno dei fattori dell’eccessivo prezzo di benzina e diesel. Per questo, la razionalizzazione della rete è un passo urgente.

A tale fine, occorre senza dubbio rimuovere i vincoli che impediscono, tra l’altro, l’apertura di punti di rifornimento presso i supermercati; ma è altrettanto importante consentire ai gestori delle stazioni la possibilità di potenziare le loro attività sul fronte non oil. Non solo, dunque, la benzina al supermercato, ma anche il supermercato dal benzinaio.

Focus 41. Il dito e la luna. Perché in Italia i carburanti costano troppo

Il dito e la luna. Perché in Italia i carburanti costano troppo? condividi con questo commento
Prezzo carburanti: il problema sono le tasse non le compagnie petrolifere condividi con questo commento
Why is gasoline so expensive in Italy? Taxation is the answer condividi con questo commento
oggi, 22 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni