Focus 38. Quando il decreto Bersani non liberalizza. Il caso delle assicurazioni

Il decreto Bersani ha introdotto elementi di liberalizzazione in vari ambiti dell'economia italiana, ma contiene anche alcune norme di segno opposto. Ne sono esempio le nuove deliberazioni che investono le compagnie di assicurazione.


21 Novembre 2006

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Teoria e scienze sociali

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

scarica la ricerca integrale

Pur muovendo dalla constatazione che il mercato delle assicurazioni rc auto avrebbe bisogno di più libertà, il decreto si orienta in direzione contraria, proibendo quella pratica (ampiamente consolidata, in Italia e in molte parti del mondo) secondo la quale le compagnie assicuratrici e i venditori delle polizze sottoscrivono contratti che vincolano i secondi ad offrire ai loro clienti soltanto i prodotti di una società di assicurazioni.

Il decreto Bersani talvolta obbedisce ad una concezione davvero contraddittoria della competizione, immaginando la concorrenza come qualcosa di pianificabile a tavolino, non a favore ma “nonostante” il mercato. Il conto, forse non oggi ma senz’altro domani, lo pagheranno proprio i cittadini-consumatori.

Focus 38. Quando il decreto Bersani non liberalizza. Il caso delle assicurazioni

Decreto Bersani introduce liberalizzazioni ma anche norme di segno opposto condividi con questo commento
Assicurazioni, la liberalizzazione di Bersani non liberalizza condividi con questo commento
Insurance: liberalizations in the name only condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni