Focus 238. Innovazione e ricerca: Le poche cose da fare e le molte da evitare

Il tessuto industriale italiano è caratterizzato da una bassa propensione all'innovazione e all'investimento in ricerca e sviluppo. Oltre ai consueti fattori strutturali, l’impatto negativo dell'assetto istituzionale ha effetti significativi


28 Maggio 2014

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Mario Dal Co

scarica la ricerca integrale

Per avere più innovazione in Italia basterebbe poco. L’assetto istituzionale determina una situazione per cui il tessuto industriale italiano si caratterizza per una bassa propensione all’innovazione e all’investimento in ricerca e sviluppo, già gravato da motivi specifici come la piccola dimensione delle industrie, uno scarso ricorso al capitale di rischio e un diffuso familismo gestionale.
Se ciascun ministero e se ciascuna agenzia facessero bene il loro mestiere spendendo meglio l’ordinaria dotazione di risorse, senza inventarsi obiettivi fuori portata, ricorrendo ad ulteriori prelievi fiscali, sicuramente darebbero un contributo superiore a quanto farà la spending review e migliorerebbe l’accountability del sistema pubblico.

Focus 238. Innovazione e ricerca: Le poche cose da fare e le molte da evitare

Innovazione in Italia: tenere alla larga la burocrazia condividi con questo commento
Innovazione e ricerca: le poche cose da fare e le molte da evitare condividi con questo commento
R&D: it would take little effort to stimulate investments, just keep bureaucratic intrusion to a minimum condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni