Focus 225. Arance amare: La mano pesante della regolamentazione delle bibite analcoliche

Non c’è ragione o evidenza per credere che i consumatori non siano sufficientemente informati quando scelgono un tipo di bevanda piuttosto che un altro. In questo caso, il paternalismo appare gravido di costi e pressoché privo di benefici


21 Ottobre 2013

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Luigi Ceffalo

scarica la ricerca integrale

Con sempre maggior frequenza si sta affermando la tendenza del legislatore a correggere attraverso interventi normativi gli stili di vita delle persone.
Un esempio recente di questo tipo di regolazione è stato l’obbligo introdotto dal precedente governo a carico dei produttori di inserire almeno il 20% di succo di frutta nelle proprie miscele dissetanti. Mentre i benefici di una misura simile sulla salute delle persone sono quantomeno dubbi, più realistici sarebbero gli effetti distorsivi sul mercato agroalimentare e la violazione della libertà di circolazione delle merci nel mercato europeo.
Non c’è ragione o evidenza per credere che i consumatori non siano sufficientemente informati quando scelgono un tipo di bevanda piuttosto che un altro. In questo caso, il paternalismo – oltre ad avere un risvolto odioso nei confronti della responsabilità individuale – appare gravido di costi e pressoché privo di benefici.

Focus 225. Arance amare: La mano pesante della regolamentazione delle bibite analcoliche

Sono arance amare: il paternalismo legislativo nei soft drink condividi con questo commento
Arance amare: la mano pesante della regolamentazione delle bibite analcoliche condividi con questo commento
Sour grapes: the nanny State takes over soft drinks condividi con questo commento
oggi, 18 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni