Focus 224. Investire in democrazia. Finanziamento alla politica, lobby e trasparenza

Non sono tanto le leggi o i ‘lacci’ ai donatori che creano un sistema politico sano. Quello che fa la differenza nella qualità del processo di policy making è la forza vincolante dei watchdog


23 Luglio 2013

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Paolo Zanetto

scarica la ricerca integrale

La proposta di iniziativa governativa di abolire il finanziamento pubblico diretto dei partiti ha nuovamente acceso i timori circa l’influenza degli interessi particolari sugli eletti, riaprendo un dibattito non particolarmente originale sui contributi privati all’attività dei partiti.
Non sono tanto le leggi o i “lacci” ai donatori che creano un sistema politico sano, in quanto una bustarella in contanti sarà sempre data al di fuori di qualsiasi regola: quello che fa la differenza nella qualità del processo di policy making è la forza vincolante dei watchdog.
Ciò che manca è un vero clima di trasparenza che consenta effettivamente all’elettore di prendere atto dei rapporti economici tra politica e imprese – e di come questo influenzi le scelte degli eletti, nel processo di policy making.

Focus 224. Investire in democrazia. Finanziamento alla politica, lobby e trasparenza

Non sono leggi o lacci ai donatori che fanno un sistema politico sano, ma la forza dei watchdog condividi con questo commento
Investire in democrazia. Finanziamento alla politica, lobby e trasparenza condividi con questo commento
A healthy political environment is created not by regulating donations, but by watchdogs condividi con questo commento
oggi, 28 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni