Focus 222. Quel pasticciaccio dei servizi pubblici locali

Nell’attuale disciplina dei servizi pubblici resta un dato comune di un ritorno al passato, quando nell’alternativa tra affidamento diretto o con gara non vi era un’opzione di valore a favore della seconda, come invece la stessa Unione europea chiede


L’attuale disciplina dei servizi pubblici locali è frutto delle vicende successive al referendum sulla gestione del servizio idrico.
L’affidamento dei servizi pubblici locali continua a rimbalzare tra riforme legislative e volontà referendaria senza trovare la via – che molti, compresa l’Unione europea, sostengono – di una selezione pubblica e trasparente del gestore, che garantisca efficienza e competizione.
Sono preoccupanti le conseguenze di questo un ritorno al passato, quando nell’alternativa tra affidamento diretto o con gara non vi era un’opzione di valore a favore della seconda, come invece la stessa Unione europea chiede.

Focus 222. Quel pasticciaccio dei servizi pubblici locali

Gli sconclusionati esiti del referendum sulla gestione dell’acqua condividi con questo commento
Il recepimento delle direttive europee continua a tardare condividi con questo commento
Transparency, efficiency and competition: the only way for water supply condividi con questo commento
oggi, 24 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni