Focus 215. Referendum sull’acqua: la verità viene a galla

Questa vicenda non rappresenta la vittoria dei promotori del referendum sull’acqua, ma casomai una sconfitta della democrazia e una dimostrazione che il referendum è un mezzo di facile manipolazione della realtà e del diritto


La decisione della Corte costituzionale di annullare la disciplina dei servizi pubblici locali, ritenendola incompatibile coi risultati del referendum, è tecnicamente corretta ma segna un enorme problema relativo al funzionamento della nostra democrazia. Infatti il referendum “sull’acqua” ha creato enormi problemi a un intero settore bisognoso di razionalizzazione.
Tale caso è una dimostrazione che il referendum, lungi dall’essere uno strumento di democrazia diretta, è un mezzo di facile manipolazione della realtà e del diritto. Non a caso, nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa – i giorni successivi al deposito della sentenza – dai promotori e sostenitori del referendum, essi finalmente riconoscono e trionfalmente ammettono, ora sì, che il referendum era su un argomento più vasto della sola gestione del servizio idrico.

Focus 215. Referendum sull’acqua: la verità viene a galla

Quale futuro per i servizi pubblici locali dopo il referendum? condividi con questo commento
Referendum sull’acqua: la verità viene a galla condividi con questo commento
Water local public services: what future after the referendum? condividi con questo commento
oggi, 20 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni