Focus 21. Come si difendono le rendite. Il caso dei farmacisti

Andrea Gilli illustra che la difesa del monopolio dei farmacisti è la difesa di un classico esempio di rendita di posizione e la paventata mancanza di sicurezza non è che uno specchietto per le allodole


La battaglia contro il monopolio dei farmacisti nella vendita dei farmaci da banco, che non richiedono prescrizione medica, ha conquistato una certa visibilità sui mezzi di comunicazione di massa. L’associazione di categoria Federfarma ha reagito rivendicando le caratteristiche di maggior “sicurezza” che sarebbero garantite dall’attuale sistema rispetto a uno più liberalizzato.

Quello dei farmacisti è il tipico comportamento di chi difende una rendita di posizione, a scapito dell’interesse dei consumatori e dell’efficienza economica in generale. Questo paper dimostra come la questione della sicurezza sia del tutto secondaria.

La realtà è che non c’è nessuna ragione per impedire a una persona, laureata in farmacia e dotata di tutti i requisiti necessari, di esercitare la professione dietro il banco di un supermercato.

Focus 21. Come si difendono le rendite. Il caso dei farmacisti

Liberalizzazione dei farmaci di banco: la questione-sicurezza è inventata dai farmacisti condividi con questo commento
Come si difendono le rendite. Il caso dei farmacisti condividi con questo commento
Italian pharmacies defend their monopoly rent condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni