Focus 199. C’è un default ‘all’Argentina’ nel futuro della Grecia?

Secondo alcuni, l'esperienza del default argentino dovrebbe renderci meno timorosi circa la possibilità di un fallimento della Grecia o di altri Paesi dell'eurozona. Vito Tanzi spiega perché si tratta di un'impressione affrettata.


1 Febbraio 2012

Argomenti / Politiche pubbliche

Vito Tanzi

scarica la ricerca integrale

All’epoca del default, il debito pubblico argentino era pari al 50 per cento del PIL e il disavanzo raggiungeva appena il 2,5 per cento del PIL. Con questi dati, l’Argentina sarebbe tranquillamente rientrata nei criteri di Maastricht. Impossibile, dunque, il paragone con la Grecia, Paese che nel 2011 aveva un debito pubblico pari al 165 per cento del PIL, e diversissimo per storia economica e dotazioni naturali.

Continuando il paragone, nel 2001, in Argentina la spesa pubblica a carico del governo centrale era inferiore al 30 per cento del PIL. Nel 2010-2011, in Grecia, tal valore si aggirava intorno al 50 per cento del PIL greco. Questo elevato livello di spesa pubblica deve coprire le pensioni e svariati sussidi, di disoccupazione e di altro genere, a favore di una notevole percentuale della popolazione.

Focus 199. C’è un default ‘all’Argentina’ nel futuro della Grecia?

Il default argentino non può essere un modello per la crisi greca condividi con questo commento
C’è un default ‘all’Argentina’ nel futuro della Grecia? condividi con questo commento
Why Argentina can’t be a model to tackle the Greek crisis condividi con questo commento
oggi, 30 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni