Focus 190. Art. 41: la proposta dell’Istituto Bruno Leoni

La proposta di modifica dell’Art.41 presentata dal governo non aggiunge nulla di concreto rispetto alle regole vigenti. IBL ha formulato una diversa proposta di modifica, che fa perno sul divieto per lo Stato di fare concorrenza ai privati.


20 Settembre 2011

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Serena Sileoni

scarica la ricerca integrale

In Parlamento è in discussione un disegno di legge di iniziativa governativa per la modifica costituzionale del diritto alla libertà di iniziativa economica privata, nel dichiarato tentativo di dare una svolta liberale all’economia.

La proposta del governo non sembra tuttavia aggiungere nulla di concreto rispetto alle regole vigenti. L’Istituto Bruno Leoni ha formulato una diversa proposta di modifica, che, facendo perno sul divieto per lo Stato di fare concorrenza ai privati, sarebbe davvero innovativa rispetto al testo vigente e alle proposte in esame alle Camere.

Solo una regola del genere, che faccia dell’iniziativa economica pubblica una scelta sussidiaria rispetto a quella privata, è in grado di essere cogente per le politiche economiche e chiara per l’interpretazione giurisprudenziale, dicendo in modo cristallino ciò che finora è stato assai opaco, ovverosia quando lo Stato deve intervenire, e quando – specularmente – il mercato è considerato dinamicamente efficiente.

Focus 190. Art. 41: la proposta dell’Istituto Bruno Leoni

Idee liberali per modificare l’Art. 41 della Costituzione condividi con questo commento
Art. 41: la proposta dell’Istituto Bruno Leoni condividi con questo commento
IBL’s proposal to amend Article 41 of the Italian Constitution condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni