Focus 18. L'illusione dei biocarburanti. Combustibili costosi che non giovano all'ambiente


21 Febbraio 2006

Argomenti / Ambiente e Energia , Diritto e Regolamentazione

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

Il governo potrebbe approvare l’obbligo per le compagnie petrolifere di sostituire almeno l’1 per cento dei carburanti tradizionali con biocarburanti, una percentuale che dovrebbe gradualmente salire nei prossimi anni, costringendo le imprese a sostenere costi aggiuntivi per quella parte di biocarburanti non coperta dalle esenzioni fiscali, ma che dovrà comunque essere messa in circolo per legge.

Ciò si tradurrà sia in un costo aggiuntivo per i consumatori che in una tassa indiretta sui profitti delle compagnie, esattamente ciò di cui un Paese come il nostro, bisognoso di investimenti, non necessita. Non è chiaro se benefici ambientali dei biocarburanti, dovuti all’abbattimento teorico delle emissioni di anidride carbonica, siano sufficienti a compensarne i costi, come per esempio la maggior pressione sullo sfruttamento del suolo e il rischio di perdita di biodiversità in Europa.

Questa misura protezionistica nemmeno favorirebbe l’agricoltura italiana, in quanto Paese importatore della maggior parte del fabbisogno di biodiesel e bioetanolo. Questa resta dunque una mossa dannosa per la competitività della nostra economia e probabilmente priva di risvolti positivi dal punto di vista ambientale.

Focus 18. L'illusione dei biocarburanti. Combustibili costosi che non giovano all'ambiente

I risultati dell'affannosa ricerca di conciliare la capra ambientalista con i cavoli della crescita economica condividi con questo commento
L'illusione dei biocarburanti. Combustibili costosi che non giovano all'ambiente condividi con questo commento
The green illusion of bio-fuels condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni