Focus 166. Dematerializzare il Parlamento

Digitalizzazione dei documenti parlamentari, posta elettronica certificata e firma digitale: la piena informatizzazione dei lavori parlamentari farebbe risparmiare 15 milioni di euro


15 Agosto 2010

Argomenti / Politiche pubbliche

Diego Menegon

scarica la ricerca integrale

I costi di digitalizzazione del sistema informatico del Parlamento non si sono sostituiti ai costi di stampa, si sono semplicemente sommati a questi. Ogni atto e documento pubblicato su internet è anche stampato e distribuito ai parlamentari.

Non è solo il movente del risparmio a rendere necessario l’adeguamento digitale dei lavori parlamentari: è anche una questione culturale. In ogni azienda, a fronte degli investimenti per l’informatizzazione del lavoro, si pretende una riduzione delle spese tradizionali di cancelleria e di stampa, oltre che una diminuzione del numero di ore-uomo impegnate nella gestione documentale e nei servizi di comunicazione interna ed esterna. È urgente che il Parlamento si allinei alle migliori pratiche del settore privato.

Focus 166. Dematerializzare il Parlamento

Digitalizzazione del Parlamento: i risparmi possibili condividi con questo commento
“Dematerializzare il Parlamento”: per la digitalizzazione dell'attività parlamentare condividi con questo commento
Digitalizing Parliament condividi con questo commento
oggi, 22 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni