Focus 148. Acqua libera? Sì, ma fino a un certo punto

La riforma dei servizi pubblici locali rappresenta un passo avanti verso la liberalizzazione dei servizi idrici ma non l’ultimo. Per arrivare a un'apertura del settore, occorre realizzare una regolazione indipendente e una completa privatizzazione


Le gare sono importanti perché consentono di imitare il meccanismo di mercato che fa emergere le soluzioni economicamente più efficienti. Senza gare non sussisterebbero per gli operatori adeguati incentivi alla scoperta di nuovi accorgimenti finalizzati alla soddisfazione dei clienti.

In generale, sostituire la gara formale all’in house come via ordinaria di affidamento è un passaggio essenziale verso la liberalizzazione dei servizi idrici ma non l’ultimo. Per arrivare a una completa apertura del settore, occorre ancora realizzare una progressiva eliminazione delle eccezioni, una regolazione indipendente e una completa privatizzazione.

Focus 148. Acqua libera? Sì, ma fino a un certo punto

“Acqua libera? Sì, ma fino a un certo punto” condividi con questo commento
La gestione delle risorse idriche ha bisogno di meccanismi di mercato condividi con questo commento
Public local services and the management of water resources condividi con questo commento
oggi, 28 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni