Focus 143. Il prezzo del giusto prezzo

L’ipotesi di adottare forme di controllo dei prezzi degli SMS è ingiustificata e potenzialmente dannosa. Non vi è alcuna prova dell’esistenza di un comportamento anticoncorrenziale e un intervento rischia di creare distorsioni della concorrenza


22 Settembre 2009

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Luca Mazzone

scarica la ricerca integrale

È “molto preoccupante” la proposta di controllare i prezzi degli SMS, come alcuni hanno ipotizzato all’indomani dell’incontro tra gli operatori telefonici e Mister Prezzi, una mossa ingiustificata e potenzialmente dannosa. Non vi è alcuna prova decisiva a carico degli operatori per l’ipotesi di comportamento anticoncorrenziale volto a danneggiare i consumatori. Questa poi sarebbe materia da Antitrust e non certo da azione di governo sui prezzi finali.

Sarebbe lecito sospettare dell’attenzione particolare ad un aspetto molto marginale della tariffazione, che è quello del prezzo massimo del servizio di messaggistica, quando gli utenti sono soliti servirsi di una grande varietà di offerte, piani e servizi in bundle che riducono l’importanza di avere il prezzo massimo fino a 15 centesimi. Viceversa, un intervento mal calibrato rischia di creare distorsioni della concorrenza e, nel lungo termine, rallentare il processo per cui, anno dopo anno, l’industria delle TLC è meno concentrata.

Focus 143. Il prezzo del giusto prezzo

Comportamenti anti-concorrenziali: non è certo l'intervento del governo sui prezzi la soluzione condividi con questo commento
“Il prezzo del giusto prezzo”, perché il controllo statale dei prezzi crea solo danni condividi con questo commento
The price of the “right” price condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni