Focus 140. Uno spettacolo che non deve continuare

Il FUS non è lo strumento giusto per sostenere il settore e come una riduzione dei finanziamenti diretti erogati dallo Stato non è da considerarsi in maniera negativa.


25 Luglio 2009

Argomenti / Politiche pubbliche , Teoria e scienze sociali

Filippo Cavazzoni

Direttore editoriale

scarica la ricerca integrale

Forti sono le proteste del mondo dello spettacolo per i tagli imposti al Fondo Unico per lo Spettacolo (FUS). Nel Focus si spiega perché il FUS non è lo strumento giusto per sostenere il settore e come una riduzione dei finanziamenti diretti erogati dallo Stato non sia da considerarsi in maniera negativa.

Diverse sono le criticità di questo strumento: i fatti dimostrano come il FUS sia la fotografia di un settore ingessato dove il “grande e consolidato” è tutelato rispetto al “piccolo e innovativo”. Nella determinazione del contributo, oltre ad altri criteri, influisce grandemente una certa tendenza a conservare lo stato delle cose, dovuta in primis a pressioni che potrebbero essere definite di tipo “politico-sindacale”. Di fatto, l’ingerenza della politica è ancora troppo forte.

In definitiva, per questi ed altri motivi che vengono illustrati nel Focus, appare chiaro come il FUS debba essere sostituito con altre misure volte a sostenere il settore.

Focus 140. Uno spettacolo che non deve continuare

Non è il FUS non è lo strumento giusto per sostenere la cultura condividi con questo commento
Finanziamenti pubblici alla cultura: "uno spettacolo che non deve continuare condividi con questo commento
Public subsidies ain’t the solution to support culture condividi con questo commento
oggi, 20 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni