Focus 130. Finanziare le famiglie, riducendo il debito pubblico

Liberalizzare le anticipazioni sul tfr/tfs dei dipendenti pubblici potrebbe servire a liberare risorse per le famiglie senza gravare sul debito pubblico, anzi riducendolo.


I dipendenti pubblici sono 3,6 milioni, tra Stato ed enti locali. Il loro credito verso i datori di lavoro pubblici supera i 50 miliardi di euro. Rendendo disponibili il 5% all’anno di tale somma, si ottiene un flusso di maggiore disponibilità per le famiglie, pari a 2,5 miliardi di euro all’anno. È un autentico “welfare nascosto”: la liberalizzazione delle anticipazioni del tfr/tfs alleggerirebbe le difficoltà economiche di numerose famiglie, che ne hanno bisogno.

Il Focus dell’Istituto Bruno Leoni spiega come, nonostante sia vero che il ministero del Tesoro non possa emettere titoli aggiuntivi, il problema sia facilmente superabile attraverso un coinvolgimento del sistema bancario: le banche, infatti, avrebbero un evidente interesse a partecipare a questo gioco, perché a fronte dell’apertura di nuove linee di credito potrebbero accettare come garanzia i diritti sulle somme future.

Focus 130. Finanziare le famiglie, riducendo il debito pubblico

Liberalizzare le anticipazioni sul tfr/tfs dei dipendenti pubblici a favore delle famiglie condividi con questo commento
“Finanziare le famiglie, riducendo il debito pubblico” condividi con questo commento
Supporting families and reducing public debt at once condividi con questo commento
oggi, 24 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni