Focus 123. In difesa della Dea bendata. E se il merito non fosse un criterio di giustizia?

L’annuale lotteria della Befana è occasione per considerazioni più o meno moraleggianti, che mettono sotto accusa vincite tanto rilevanti. Ma è sempre bene ricordare che ogni società libera deve dare spazio alla fortuna e all’imprevedibile.


5 Gennaio 2009

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

scarica la ricerca integrale

In una società libera, nessuno è premiato in esatta proporzione a ciò che realizza, anche perché una società che volesse essere giusta perché meritocratica dovrebbe minare i due pilastri fondamentali di un ordine di libertà: la proprietà privata (su cui si reggono i rapporti di mercato) e la famiglia (attorno alla quale si organizzano le nostre relazioni comunitarie). I premi milionari attribuiti a chi ha avuto il solo merito di comprare un biglietto fortunato, quindi, sono un tratto caratteristico di ogni società aperta e come tali vanno preservati.

Focus 123. In difesa della Dea bendata. E se il merito non fosse un criterio di giustizia?

Il merito non sempre è criterio di giustizia condividi con questo commento
La dea bendata sbaglia meno dello Stato condividi con questo commento
In a free society deserve and luck coexist condividi con questo commento
oggi, 18 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni