Focus 121. Dalla crisi si esce con le riforme

Il nostro paese potrebbe sfruttare la crisi per rendere più digeribili all’opinione le riforme più urgenti, quali l’ammodernamento del welfare e le liberalizzazioni nei tanti settori dell’economia italiana ancora chiusi.


16 Dicembre 2008

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Economia e Mercato , Politiche pubbliche

Andrea Giuricin

Piercamillo Falasca

scarica la ricerca integrale

L’Italia necessita di urgenti riforme e la crisi potrebbe diventare una grande opportunità per poterle effettuare rendendo più digeribili all’opinione pubblica le riforme più urgenti, quali l’ammodernamento del welfare e le liberalizzazioni nei tanti settori dell’economia italiana ancora chiusi.

Quando un’azienda naviga in cattive acque vanno implementate soluzioni come la ricerca di una maggiore efficienza, la rimodulazione della propria offerta di prodotti o servizi o la sostituzione del management. Se l’azienda non riesce a risalire la china, fallisce. Lo Stato interviene per fornire risorse quando il mercato non ritiene più vantaggioso farlo o sussidia la domanda dei beni e servizi offerti da quell’azienda, giustificando gli aiuti di Stato con la difesa dei livelli occupazionali, ma con il solo effetto di bruciare le risorse dei contribuenti e di distorcere le scelte degli investitori.

L’unico intervento strutturale necessario sarebbe una riforma seria e coraggiosa del sistema del welfare, che riducendo il peso della spesa pensionistica liberi risorse per il finanziamento degli ammortizzatori sociali.

Focus 121. Dalla crisi si esce con le riforme

Gli aiuti di Stato non risolvono la crisi economica, anzi la peggiorano condividi con questo commento
Meglio destinare risorse agli ammortizzatori sociali che ad aziende che non hanno più mercato condividi con questo commento
Subsidies are wasted money condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni