Focus 12. Ciò che si vede e ciò che non si vede

Lottieri esamina gli aspetti nascosti del provvedimento sulla riduzione dei fondi per il cinema e la cultura ed evidenzia gli effetti mortificanti dell'assistenza statale per quella cultura che i suoi fautori vorrebbero preservare con il denaro pubblico


20 Ottobre 2005

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

scarica la ricerca integrale

Gli aiuti di Stato al cinema a alla cultura finiscono per politicizzare il mondo delle idee, causando uno scadimento della stessa produzione culturale. Nell’ultimo Focus si riflette su ciò che si vede e ciò che non si vede nel sostegno pubblico alle iniziative culturali.

Con questo Focus si smascherano i finti benefici del finanziamento statale alla cultura, per dimostrare invece gli effetti perversi di tali politiche. Si dimostra come le polemiche degli “scioperanti del cinema” siano assolutamente pietose: riflettono soltanto l’assuefazione a un sistema che premia non la creatività e il genio ma la capacità di interagire con la politica.

Tale studio dovrebbe aprire gli occhi di tutti su un fatto: non vanno biasimati i tagli, semmai la timidezza del governo nell’estromettere lo Stato dall’ambito della produzione culturale.

Focus 12. Ciò che si vede e ciò che non si vede

Aiuti di Stato al cinema: l'ennesima prova di fariseismo da parte del governo condividi con questo commento
Aiuti di Stato: "Ciò che si vede e ciò che non si vede" condividi con questo commento
Frédéric Bastiat and the subsidies to the Italian movie industry condividi con questo commento
oggi, 20 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni