Focus 114. Ri-fondazioni. La riforma dell’università e il ruolo delle fondazioni

Molti dei luoghi comuni riguardanti l’università italiana (a partire dalla supposta carenza di fondi) sono contestabili. Più difficile, invece, sarebbe negare l’urgenza di cercare soluzioni privatistiche ai problemi del mondo accademico.


2 Novembre 2008

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche , Teoria e scienze sociali

Filippo Cavazzoni

Direttore editoriale

scarica la ricerca integrale

Il sistema universitario è al centro di un insieme di proteste che vedono protagonisti docenti e studenti.
Il testo sottolinea quanto siano contestabili molti miti riguardanti l’università italiana (a partire dalla supposta carenza di fondi), ma soprattutto suggerisce l’urgenza di spingere verso la creazione di soluzioni privatistiche, anche valorizzando l’ipotesi delle fondazioni, grazie alle quali sarebbe più facile vedere affluire capitali privati.

Questo Focus pone al centro i diritti e gli interessi degli studenti, che devono poter scegliere all’interno di un’offerta variegata, quale potrà emergere solo se si creeranno spazi di concorrenza e s’introdurranno incentivi a operare meglio, così da avere atenei di migliore qualità.

Focus 114. Ri-fondazioni. La riforma dell’università e il ruolo delle fondazioni

In difesa delle università private condividi con questo commento
A competitive university system would be a better one condividi con questo commento
"Ri-fondazioni. La riforma dell'università e il ruolo delle fondazioni" condividi con questo commento
oggi, 26 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni