Focus 11. Ecco il piano dell'Onu per tenere i poveri al loro posto

Philip Stevens dimostra come ogni politica che tenda a combattere il mercato in nome di un più vago ideale di giustizia sociale può avere effetti controproducenti - tanto più gravi quanto meno sviluppato è il Paese


I poveri del mondo sono anche quelli che beneficiano di una peggiore assistenza sanitaria: in una sorta di circolo vizioso, i circuiti della morte e della povertà si perpetuano a vicenda, inceppando il cammino dello sviluppo. Tuttavia, la maggioranza dei “piani” proposti per alleviare questa situazione finisce per trascurare ragionamenti economici solidi, scegliendo la via della demagogia.

Non è forse vero che il primo e più importante passo per avere una migliore salute pubblica è incentivare la formazione di ricchezza? E quando la lotta alle diseguaglianze precede la crescita economica, il risultato non è forse una società in stallo, immobilizzata, capace solo di distribuire egualmente l’indigenza?

Gli effetti di un approccio ideologico a problemi la cui dimensione è oggi globale possono essere devastanti. Proprio perché stiamo parlando di Paesi che hanno bisogno di creare ricchezza, ogni politica che tenti di combattere il mercato in nome di un più vago ideale di giustizia sociale può avere effetti controproducenti, tanto più gravi quanto meno sviluppato è il Paese.

Focus 11. Ecco il piano dell'Onu per tenere i poveri al loro posto

Povertà: combattere il mercato in nome di un più vago ideale di giustizia sociale fa solo peggio condividi con questo commento
Ecco il piano dell'Onu per tenere i poveri al loro posto condividi con questo commento
When social justice can hurt development condividi con questo commento
oggi, 18 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni