Focus 102. Roma come Alitalia: meglio privatizzare

Con un prestito di 500 milioni di euro appena concesso al Comune di Roma, il Governo Berlusconi ha replicato l’errore compiuto con Alitalia: l’uso di risorse pubbliche come palliativo a decisioni dolorose ma obbligate.


23 Giugno 2008

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Piercamillo Falasca

scarica la ricerca integrale

Con tale misura il governo ha premiato un comportamento poco virtuoso da parte del Comune di Roma.
La scelta adatta per riportare a livelli fisiologici il debito sarebbe la cessione di alcuni degli asset del Comune, soluzione nemmeno considerata dal Sindaco Alemanno, ma che potrebbe fruttare, tramite la vendita della pacchetto Acea, risorse per circa 1,3 miliardi di euro, stanti gli attuali valori di mercato.

La dismissione di parte del patrimonio immobiliare e delle municipalizzate potrebbe aiutare Roma a liberarsi dei suoi debiti, e ad apprendere una cultura non clientelare dell’amministrazione. Il governo ha già speso per Roma quasi due volte il valore del prestito-ponte ad Alitalia: bisogna evitare che l’unica soluzione, per affrontare questi dissesti, sia la pratica del rinvio. Perché, a un certo momento, il tempo finisce.

Focus 102. Roma come Alitalia: meglio privatizzare

Roma come Alitalia: meglio privatizzare condividi con questo commento
Salva-Roma: il Governo Berlusconi replica l’errore compiuto con Alitalia condividi con questo commento
Why the Alitalia affair didn't teach the government not to repeat the same mistakes over and over? condividi con questo commento
oggi, 24 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni