Focus 104. Alitalia: correggere l’incorreggibile

Il fatto che Alitalia sia sull’orlo del fallimento e che AirOne affronti anch’essa una fase critica non dovrebbe indurre ad una cessione troppo ‘benevola’ degli asset alla newco.


7 Luglio 2008

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Andrea Giuricin

Piercamillo Falasca

scarica la ricerca integrale

Gli asset da trasferire hanno ancora un valore ed è auspicabile che vi siano delle condizioni di assoluta trasparenza e contendibilità nella loro vendita. Esiste il rischio di preferire un predeterminato acquirente a discapito del valore della vendita, danneggiando i contribuenti, gli azionisti minori e i creditori. Meglio sarebbe procedere ad un’asta pubblica sul prezzo, con regole chiare e tempi ragionevoli, cui possono partecipare tutte le compagnie potenzialmente interessate ad acquisire gli asset messi in vendita.

Un’ultima considerazione degli autori riguarda la bad company: Alitalia è già una bad company. Con la vendita degli asset alla newco, essa rischia di divenire una “very bad company”. L’unica certezza è che lo Stato, ovvero i contribuenti, continuerà nei prossimi anni a dover pagare per la “very bad company”.

Focus 104. Alitalia: correggere l’incorreggibile

Alitalia, una "very bad company" a spese dei contribuenti condividi con questo commento
Alitalia: come correggere l’incorreggibile? condividi con questo commento
Alitalia, can it be straightened up? condividi con questo commento
oggi, 20 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni