Farmaci e spesa regionale: il conto della salute

I recenti tentativi di bilanciare tutela della salute e spesa farmaceutica mettono nuovamente in luce la crescente insostenibilità del SSN.


3 Maggio 2015

Argomenti / Politiche pubbliche

Giacomo Lev Mannheimer

scarica la ricerca integrale

I recenti tentativi di bilanciare tutela della salute e spesa farmaceutica mettono nuovamente in luce la crescente insostenibilità del Sistema sanitario nazionale.
La proposta d’introdurre forme di sanzione e controllo in capo ai medici per prestazioni “inappropriate” è in linea con le politiche farmaceutiche degli ultimi anni che, per tenere sotto controllo la spesa pubblica, rischiano di privare i medici della loro autonomia. Oltre all’autonomia dei medici, tali politiche rischiano di minare la sicurezza terapeutica e la libertà dei pazienti, senza reali benefici né per le casse pubbliche, né, a maggior ragione, per la salute collettiva, mostrando la crescente insostenibilità del sistema-sanità. Data la sua crescente insostenibilità, il Sistema sanitario nazionale necessiterebbe di un ripensamento globale che, senza comprometterne i caratteri di equità e universalità, lo avvicini a un sistema assicurativo e realmente concorrenziale.

Farmaci e spesa regionale: il conto della salute

Gli effetti collaterali della politica farmaceutica condividi con questo commento
Il SSN è sostenibile? Alcune riflessioni sulla politica farmaceutica condividi con questo commento
The balance among healthcare and growing pharmaceutical spending is walking a fine line condividi con questo commento
oggi, 17 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni