Che la pace (fiscale) sia con noi?

Il provvedimento rischia di essere una misura pensata per fare cassa, non per normalizzare i rapporti tra contribuente e fisco


26 Ottobre 2018

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Giuseppe Portonera

Forlin Fellow

scarica la ricerca integrale

Dietro la “rottamazione-ter”, la “dichiarazione integrativa” e le varie “definizioni agevolate” si nasconde l’esigenza di fare cassa… in attesa di vedere cosa deciderà davvero il Governo sul “saldo e stralcio” delle cartelle dei debitori in difficoltà.

Il Governo ha annunciato le misure che comporranno il c.d. decreto “fiscale”, il provvedimento che dovrebbe concretizzare la promessa di una pace “fiscale” tra contribuente e fisco. In questo paper si offre una prima panoramica di insieme sul contenuto del decreto, nonché sull’impatto – stimato – che questo avrà sulle finanze pubbliche. Le misure più rilevanti presenti nel decreto sono essenzialmente individuate in: i) una prima che altro non è se non una nuova “rottamazione delle cartelle”, sia pure a condizioni di maggior favore per il contribuente; ii) una seconda – e ben più rilevante – incentrata su una sorta di dichiarazione integrativa (a mo’ di “ravvedimento operoso”) per chi faccia emergere somme precedentemente non dichiarate. Rispetto a quest’ultima misura, la domanda è se essa possa essere davvero associata all’idea di un nuovo condono “fiscale”. La misura, in ogni caso, presenta profili di grave criticità tanto rispetto alla (possibile) illegittimità costituzionale (i redditi “evasi” avranno una tassazione di favore rispetto a quelli tempestivamente dichiarati), quanto allo scarso gettito fiscale che potrebbe conseguire.

La domanda finale a cui il focus cerca di dare risposta è questa: i provvedimenti del Governo sono davvero in grado di conseguire una pace tra contribuente e fisco? Ciò che invece il decreto fiscale offre è il risultato della somma delle contraddizioni politiche del Governo in carica. Senza la misura di “saldo e stralcio” per i contribuenti in difficoltà, invece, quel che avremo sembra purtroppo solo l’ennesimo tentativo di racimolare altro “oro per la patria”, in qualsiasi modo questo risulti possibile.

Che la pace (fiscale) sia con noi?

La #PaceFiscale è vera pace? Nient'affatto: rischia di essere una misura pensata per fare cassa, non per normalizzare i rapporti tra contribuente e fisco condividi con questo commento
#PaceFiscale o "oro alla patria"? Dietro la "rottamazione-ter", la "dichiarazione integrativa" e le "definizioni agevolate" si nasconde l'esigenza di fare cassa condividi con questo commento
Is #PaceFiscale true peace? Not at all: its goal is to raise money, not to normalize the relationship between tax-payers and the State condividi con questo commento
oggi, 17 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni