Canone in bolletta: (pagare) di tutto di più

La presunzione che chiunque sia titolare di un contratto elettrico debba anche essere assoggettato al pagamento del canone è del tutto priva di fondamento e  pone numerosi problemi pratici


8 Ottobre 2015

Argomenti / Politiche pubbliche

Serena Sileoni

scarica la ricerca integrale

L’inserimento del canone Rai nella bolletta elettrica non risolve i problemi della Rai e rischia di crearne di nuovi. La presunzione che chiunque sia titolare di un contratto elettrico debba anche essere assoggettato al pagamento del canone è del tutto priva di fondamento.
L’introduzione del canone in bolletta va contro il principio di eliminare dalla bolletta tutti gli oneri impropri, e può persino sortire effetti anticoncorrenziali. Dal punto di vista pratico, restano aperti numerosi problemi legati alla morosità e all’attuazione della misura, che inevitabilmente determinerà costi per gli operatori e potenzialmente un aumento dei prezzi complessivi per i consumatori. Infine l’operazione porterà a un aumento del gettito del canone e, dunque, a un aumento della pressione fiscale complessiva.
I problemi collegati alla riscossione di un’imposta che ormai si giustifica solo per ragioni di cassa e non per ragioni di servizio avrebbero dovuto indurre il governo a ripensare la natura giuridica della Rai, una volta per tutte.

Canone in bolletta: (pagare) di tutto di più

Il canone RAI è un tributo anacronistico, incoerente, regressivo. In una parola: ingiusto condividi con questo commento
No al canone RAI in bolletta condividi con questo commento
Forcing italians to pay the TV licence with their electricity bills is unjust condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni