BP 98. Non indurli in tentazione. Elementi per una decisione informata su Snam Rete Gas

È molto negativo che il decreto per il recepimento del terzo pacchetto energia rinunci alla separazione di Snam Rete Gas dall’Eni.


4 Marzo 2011

Argomenti / Ambiente e Energia , Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

Il gruppo Eni, di cui Snam è parte, trae maggior beneficio economico dal mantenere il mercato italiano del gas “ingessato”, dipendente dalle sole importazioni dell’incumbent e dagli stoccaggi del medesimo.

Il 3 marzo 2011 è scaduto il termine per recepire il “Terzo pacchetto energia” dell’Unione europea. La direttiva 2009/73/EC impone una scelta sulla separazione della rete di trasporto nazionale del gas. Le forme di separazione “debole” richiedono una regolazione molto invasiva e non garantiscono sotto il profilo degli investimenti. La separazione proprietaria della rete gas, al contrario, allinea gli interessi del gestore della rete a quelli generali. L’Italia ha già deciso nel 2003 l’opzione della separazione proprietaria: deve però fissare la scadenza per avviare il processo. La separazione proprietaria della rete avrebbe positive conseguenze sulla concorrenza e sugli investimenti. La conseguente riorganizzazione dell’Eni consentirebbe di valutare la privatizzazione del gruppo, con positive ricadute per i bilanci pubblici.

BP 98. Non indurli in tentazione. Elementi per una decisione informata su Snam Rete Gas

“Non indurli in tentazione. Elementi per una decisione informata su Snam Rete Gas” condividi con questo commento
Ecco perché la separazione di Snam Rete Gas dall’Eni è molto importante condividi con questo commento
The only way for an effective deregulation of Italian gas market condividi con questo commento
oggi, 30 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni