BP 94. Pompei. Il ruolo degli incentivi per una buona gestione del patrimonio culturale

Negli ultimi anni le numerose nomine di commissari straordinari hanno evidenziato le lacune della pubblica amministrazione nella gestione dei beni culturali: una gestione oculata dei beni culturali si può ottenere con più coinvolgimento dei privati.


31 Gennaio 2011

Argomenti / Politiche pubbliche

Filippo Cavazzoni

Direttore editoriale

scarica la ricerca integrale

Negli ultimi anni la Presidenza del Consiglio dei ministri ha varato 160 ordinanze mediante le quali si nominava un commissario per la risoluzione di determinate emergenze.

Alcune di queste hanno interessato i beni culturali. Una delle cause che ha motivato il ricorso ad un commissario riguarda le inefficienze della pubblica amministrazione. Si tratta di una peculiarità tutta italiana. Occorre fare attenzione a non vedere nel ricorso ai commissari uno strumento per gestire in maniera più efficiente il nostro patrimonio. I commissari vengono nominati per risolvere situazioni emergenziali e non rappresentano un nuovo modello di gestione ordinaria dei beni culturali. Fra le proposte da mettere sul tavolo per gestire in maniera più efficiente il nostro patrimonio culturale vi è quella di ritagliare per lo Stato un ruolo unicamente legato alla tutela, affidando in concessione i beni ai privati (no-profit o for-profit) per la loro gestione e la valorizzazione.

BP 94. Pompei. Il ruolo degli incentivi per una buona gestione del patrimonio culturale

Pompei: il ruolo degli incentivi per una buona gestione del patrimonio culturale condividi con questo commento
Per una gestione occulta dei beni culturali serve un maggiore coinvolgimento dei privati condividi con questo commento
Private management for culture condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni