BP 82. Vademecum per il nucleare. Cosa va e cosa non va nel progetto del governo

Almeno tre elementi del decreto legislativo per l’esercizio della delega nucleare meritano ulteriore riflessione e approfondimento.


19 Gennaio 2010

Argomenti / Ambiente e Energia

Diego Menegon

scarica la ricerca integrale

Dopo l’emanazione della Legge 99/2009 per il ritorno al nucleare, il governo ha approvato lo schema di decreto legislativo per l’esercizio della delega, attualmente in corso di esame. L’iter decisionale appare più lungo e complesso del necessario. I potenziali siti nucleari saranno individuati dalle aziende interessate, nel rispetto dei criteri definiti dalla costituenda Agenzia di sicurezza. La sovrapposizione tra Valutazione ambientale strategica (VAS) e attuazione della Strategia nucleare rischia di generare confusioni e contenzioso. Il lavoro dell’Agenzia per la Sicurezza Nucleare e le strategie di investimento degli operatori privati non dovrebbero essere vincolate e subordinate ad un documento programmatico dell’esecutivo. I momenti di confronto con gli enti locali, pure indispensabili, sono replicati in modo improprio e occupano uno spazio di tempo troppo lungo. Con la scissione del momento della certificazione dei siti nucleari e dell’autorizzazione degli impianti è disatteso il principio del procedimento unico previsto dalla delega. Le modalità individuate per le compensazioni ambientali non sono convincenti. È molto positiva l’enfasi su trasparenza e comunicazione. Il decommissioning non dovrebbe restare monopolio pubblico

BP 82. Vademecum per il nucleare. Cosa va e cosa non va nel progetto del governo

“Vademecum per il nucleare. Cosa va e cosa non va nel progetto del governo” condividi con questo commento
Nucleare, tre proposte per tornare all’atomo condividi con questo commento
Nuclear power in Italy, three proposals condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni