BP 77. È possibile curare il morbo di Baumol?

Occorre uscire da una logica assistenzialista per quanto riguarda il mondo dello spettacolo dal vivo e della musica “colta”. Lo strumento del finanziamento diretto può non rappresentare la forma migliore per aiutare i soggetti che operano nel comparto, come dimostra l'esempio dell’Orchestra sinfonica di Roma, forse l’unica orchestra sinfonica italiana interamente privata.


2 Ottobre 2009

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Filippo Cavazzoni

Direttore editoriale

Giuseppe Pennisi

scarica la ricerca integrale

Il mondo della musica “colta” (e della cultura in generale) vive da anni una situazione di continua emergenza, dovuta a carenze organizzative e a mancanza di fondi. Da un punto di vista economico, l’intervento dello Stato si sta assottigliando, mentre aumenta quello di regioni ed enti locali, ma è ancora insufficiente il coinvolgimento di privati. L’Orchestra sinfonica di Roma rappresenta un’eccezione, trattandosi di uno dei rari esempi in Europa di orchestra sinfonica a gestione completamente privata. La sua attività è infatti sostenuta da una fondazione di origine bancaria, la Fondazione Roma. Per rilanciare il settore occorre introdurre riforme come, ad esempio: meccanismi di matching grants, una nuova normativa sugli sgravi fiscali e proseguire sulla strada del federalismo anche in ambito musicale.

BP 77. È possibile curare il morbo di Baumol?

La musica colta può vivere anche senza il contributo pubblico condividi con questo commento
“È possibile curare il morbo di Baumol? Il caso dell’Orchestra sinfonica di Roma” condividi con questo commento
Symphony orchestras can do without public subsidies condividi con questo commento
oggi, 18 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni