BP 7. Pensioni: una riforma per sopravvivere

Il sistema pensionistico italiano è vittima di una inarrestabile crisi. Il debito pensionistico è più che doppio rispetto al debito pubblico. Per questo, il passaggio al modello cileno è giusto e conveniente.


13 Giugno 2004

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Giancarlo Pagliarini

scarica la ricerca integrale

Il sistema a ripartizione è centralista, paternalista, irrazionale e tremendamente egoista nei confronti delle generazioni future. I membri del Parlamento dovrebbero sapere, ricordare ed accettare che le cose che è necessario fare non sono necessariamente sempre quelle che generano consenso. Il valore attuale del debito pensionistico ormai supera i 4 milioni di miliardi delle vecchie lire. Se io sono padrone dei miei risparmi, sta a me decidere quando rientrarne in possesso o quando rinunciare al capitale in cambio di una rendita vitalizia. In Cile, oggi, migliaia di lavoratori che Piñera chiama “lavoratori capitalisti” godono di questi margini di libertà. Lo scenario del medio-lungo periodo è terrificante: il nostro Paese sta continuamente perdendo competitività.

BP 7. Pensioni: una riforma per sopravvivere

Pensioni, ecco perché il passaggio al modello cileno è giusto e conveniente condividi con questo commento
Pensioni: una riforma per sopravvivere condividi con questo commento
Pensions, why we shall go Chilean condividi con questo commento
oggi, 28 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni