BP 56. Robin Hood, il principe degli esattori

La Robin Hood Tax è una risposta inefficace e populista a un problema serio, che rischia di condurre il nostro paese fino in fondo sulla via lastricata di buone intenzioni.


14 Luglio 2008

Argomenti / Ambiente e Energia , Politiche pubbliche

Piercamillo Falasca

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

Nel paper, gli autori analizzano nel dettaglio le principali misure contenute nella Robin Tax, e ne valutano conseguenze ed effetti, osservando come l’aggravio aggiuntivo a cui le imprese del settore energetico saranno soggette potrà riversarsi su consumatori, investitori e azionisti, con effetti verosimilmente deleteri.

La Robin Hood Tax è un provvedimento populista, criticabile sotto diversi punti di vista. La nuova imposta non risolve alcuno dei problemi esistenti nel settore energetico, mentre ne crea di nuovi determinando distorsioni e un aggravio della pressione fiscale che può disincentivare gli investimenti. Non è possibile individuare dei profitti “extra” o “eccessivi” in un Paese come l’Italia dove il settore energetico è poco sviluppato nell’upstream e molto sbilanciato verso il downstream; gran parte del gettito non viene impiegato a favore delle fasce sociali esposte al caro petrolio, quindi non è sostenibile neppure la tesi dell’equità della Robin Tax. Di fronte a una crisi energetica attuale, sarebbero auspicabili provvedimenti anticiclici, per esempio una riduzione delle imposte sui redditi da lavoro. In ogni caso, il gettito della tassa – anziché andare ad alimentare la spesa corrente – potrebbe essere più utilmente impiegato, per esempio, per abbattere il debito pubblico o per finanziare riduzioni della pressione fiscale.

BP 56. Robin Hood, il principe degli esattori

Robin Hood Tax: una risposta inefficace e populista a un problema serio condividi con questo commento
Robin Hood, il principe degli esattori condividi con questo commento
The Robin Tax won’t help the Italian economy condividi con questo commento
oggi, 20 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni