BP 5. L'impatto delle politiche europee del clima sulla competitività economica

Il protocollo di Kyoto presenta costi notevoli, anche per l'Italia, che metterebbe a repentaglio centinaia di migliaia di posti di lavoro. Il mutamento del clima va affrontato con un occhio ai costi e ai benefici di ogni azione, tenendo in mente le gravi incertezze scientifiche che pendono sul dibattito.


Le emissioni di carbonio dell’UE continueranno a crescere. Una raffigurazione accurata dei costi delle riduzioni delle emissioni di gas serra dipende largamente dalla scelta di un modello economico in grado di catturare tutti i costi di breve e medio termine. Gli effetti di Kyoto sull’UE vanno dall’1,8 al 5% del PIL in meno nel 2010; in Italia il PIL reale cadrebbe dello 0,5% nel periodo 2008-2012 e sarebbe dell’1,9 e del 2,9% in meno, rispettivamente, nel 2020 e nel 2025. Le perdite occupazionali annuali rispetto ai livelli di riferimento raggiungerebbero i 51.000 posti di lavoro nel 2010, per salire a 277.000 nel 2025. Se la crescita del PIL rallenta, l’industria ha meno risorse da investire in nuove tecnologie che riducano le emissioni di CO2.

BP 5. L'impatto delle politiche europee del clima sulla competitività economica

L'impatto delle politiche europee del clima sulla competitività economica condividi con questo commento
Il mutamento del clima va affrontato con un occhio ai costi e ai benefici di ogni azione condividi con questo commento
Climate policies may hinder growth condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni