BP 4. Super Mario contro Microsoft: cronaca di una condanna annunciata

Le decisioni del Commissario Mario Monti sollevano problemi giuridici sulla tutela dei diritti di proprietà intellettuale. Inoltre, non ha senso criminalizzare una pratica come quella del “bundling”, che va a diretto beneficio dei consumatori.


24 Marzo 2004

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Alberto Mingardi

Direttore Generale

Paolo Zanetto

scarica la ricerca integrale

L’indagine europea contro Microsoft è stata alimentata dai maggiori concorrenti della società, ascoltati con interesse dall’antitrust UE. Il Commissario Monti ha rifiutato un buon accordo con Microsoft per una pura questione di orgoglio. La decisione di Monti verrà portata davanti alle Corti europee, che hanno ripetutamente bocciato le sue analisi economiche del Commissario. Le imposizioni contro Microsoft sollevano problemi giuridici sulla tutela del diritto di proprietà intellettuale, il grande patrimonio di un’azienda di software. La decisione è favorevole ai concorrenti ma non va nell’interesse dei consumatori.

BP 4. Super Mario contro Microsoft: cronaca di una condanna annunciata

Super Mario contro Microsoft: cronaca di una condanna annunciata condividi con questo commento
Non ha senso criminalizzare la pratica del “bundling”, che va a diretto beneficio dei consumatori: condividi con questo commento
Mario Monti's antitrust bullying condividi con questo commento
oggi, 18 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni