BP 38. Inquinamento atmosferico. Deliberare senza conoscere

La chiusura delle città al traffico è del tutto irrilevante rispetto all'inquinamento atmosferico. È un gesto demagogico privo di ricadute reali.


23 Febbraio 2007

Argomenti / Ambiente e Energia , Diritto e Regolamentazione

Francesco Ramella

Research fellow, IBL e docente di Trasporti, Università di Torino

scarica la ricerca integrale

Il paper di Ramella dimostra l’assurdità di tanti dei provvedimenti che sindaci e presidenti di regione caldeggiano per risolvere un problema sopravvalutato come quello dell’inquinamento atmosferico. Se lo Stato davvero vuole far qualcosa, dovrebbe ridurre le imposte sui combustibili meno inquinanti – come la benzina, tuttora penalizzata fiscalmente rispetto al diesel.

Secondo gli esperti, fermare le automobili non elimina l’inquinamento dell’aria: e gli stessi promotori del blocco del traffico ne parlano come di un semplice atto “educativo”. Non è neppure vero che l’inquinamento aumenti, poiché le statistiche dicono l’opposto. La correlazione tra inquinamento e durata della vita non trova conferma nei dati, che anzi mostrano come nelle città si viva più a lungo. Per abbattere l’inquinamento, d’altra parte, bisognerebbe ridurre le imposte sulla benzina, che inducono ad utilizzare mezzi a gasolio, che producono più polveri. Invece che “rieducare” i cittadini basterebbe abbassare le imposte: sostituendo la retorica con i fatti.

BP 38. Inquinamento atmosferico. Deliberare senza conoscere

Inquinamento: la chiusura delle città al traffico è un gesto demagogico privo di ricadute reali condividi con questo commento
Inquinamento atmosferico. Deliberare senza conoscere condividi con questo commento
Pollution and the policy debate condividi con questo commento
oggi, 21 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni