BP 3. Antitrust: il nuovo attacco alla libertà d'impresa

A dispetto della retorica di cui sono ammantate, le regolamentazioni antitrust possono nuocere ai consumatori ed al diritto di innovare.


20 Febbraio 2004

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Alberto Mingardi

Direttore Generale

Paolo Zanetto

scarica la ricerca integrale

Le decisioni del commissario Mario Monti non sono sopravvissute al vaglio delle Corti europee. La proibizione di fusioni fra due o più imprese non va sempre a vantaggio del consumatore: la concorrenza in un mercato non si misura sul numero di imprese che vi sono presenti. La teoria alla base delle decisioni antitrust non riflette la “concorrenza reale”, e può minare la libertà di scelta dei consumatori. Microsoft non è un monopolista e la sua presenza sul mercato del software ha sempre stimolato una diminuzione dei prezzi. Una decisione contro Microsoft avrebbe un impatto potenzialmente distruttivo, nel lungo periodo, sulla libertà di innovare e, di conseguenza, sulla prosperità dei Paesi occidentali nel loro complesso.

BP 3. Antitrust: il nuovo attacco alla libertà d'impresa

Le regolamentazioni antitrust possono nuocere ai consumatori ed al diritto di innovare: condividi con questo commento
Antitrust e i continui attacchi alla libertà d'impresa condividi con questo commento
What if Antitrust endangers economic freedom? condividi con questo commento
oggi, 18 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni