BP 16. Un albo per amministratori condominiali: Contro la proprietà e contro il mercato

L'ipotesi di introdurre nella normativa un "albo" per amministratori condominiali è da avversare, dato che ridurrebbe la libertà di scelta dei proprietari, aumenterebbe gli oneri burocratici e peggiorerebbe la qualità dei professionisti del settore.


8 Febbraio 2005

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Teoria e scienze sociali

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

Torna a farsi attuale l’ipotesi che nella legislazione italiana venga inserito un meccanismo volto a limitare l’accesso alla professione dell’amministratore di condominio.

Da tempo alcune associazioni di categoria si battono per la creazione di un ordine professionale degli amministratori di condominio. La burocratizzazione non è garanzia di professionalità. La qualità dei servizi resi e il reddito degli amministratori possono crescere solo in un ambiente competitivo. In particolare, proprietari di casa e futuri amministratori sarebbero danneggiati dall’introduzione di criteri burocratici per accedere alla professione. La creazione di un nuovo ordine può essere incostituzionale. L’espansione dei condomini crea occasioni di profitto per individui dinamici e creativi, le cui qualità sarebbero ingabbiate da una politicizzazione della professione. Il degrado della professionalità conseguente all’istituzione di un albo sarebbe aggravato da un incremento del carico fiscale e burocratico.

BP 16. Un albo per amministratori condominiali: Contro la proprietà e contro il mercato

Un albo per amministratori condominiali: contro la proprietà e contro il mercato condividi con questo commento
Ingabbiare la dinamicità dei migliori condividi con questo commento
Do not politicize the property managers condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni