BP 13. L'informazione al paziente: problemi di libertà ed efficienza

La direttiva europea 92/98 vieta alle imprese farmaceutiche di pubblicizzare i medicinali che possono essere forniti solo dietro ricetta medica, ma le normative nazionali possono rendere più stringente il divieto, come accade in Italia.


17 Dicembre 2004

Argomenti / Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Alberto Mingardi

Direttore Generale

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

In realtà, non v’è alcuna evidenza del fatto che la pubblicità orienti le preferenze della gente o eserciti forme di “persuasione occulta”. La pubblicità è anzi un momento cruciale del processo di mercato. Il bando europeo contraddice la Carta Europea dei diritti del paziente, e mette in forse la strategia di Lisbona. Una maggiore informazione ai pazienti può tradursi in un miglioramento del budget dei sistemi sanitari nazionali. In generale, dovrebbe valere il principio che l’ignoranza è più pericolosa dell’informazione.

BP 13. L'informazione al paziente: problemi di libertà ed efficienza

L'informazione al paziente: problemi di libertà ed efficienza condividi con questo commento
Direttive sui farmaci: l’ignoranza è più pericolosa dell’informazione pubblicitaria condividi con questo commento
Shall we liberalize pharmaceutical advertising? condividi con questo commento
oggi, 25 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni