BP 129. Eliminare le Province

L'abolizione delle Province può comportare importanti riduzioni dei costi amministrativi oggi legati a tali enti, grazie al trasferimento delle loro funzioni ad altri livelli di governo e alle possibili economie di scala.


2 Dicembre 2013

Argomenti / Politiche pubbliche

Andrea Giuricin

scarica la ricerca integrale

Il governo ha dichiarato l’intenzione di abolire le Province. L’obiettivo è condivisibile e può comportare, se correttamente perseguito, risparmi consistenti e una più razionale organizzazione istituzionale. Tuttavia, esistono anche dei rischi: in particolare, occorre vigilare affinché le Province non vengano “salvate” indirettamente attraverso la proliferazione delle città metropolitane. Negli anni scorsi, inoltre, le Province hanno subito tagli significativi, in buona parte tradotti in minore spesa per investimenti.

L’abolizione delle Province consentirebbe di razionalizzare la spesa e il disegno istituzionale sottostante. Sebbene i tagli abbiano prodotto maggiore efficienza, è ancora possibile ricavare risparmi consistenti: in particolare, attraverso la migliore organizzazione delle funzioni e le possibili economie di scala, attraverso la riduzione dei costi amministrativi, attraverso l’esternalizzazione al mercato di alcune funzioni e l’abolizione di altre. Nel complesso, si stima che dall’abolizione delle Province possano derivare, nel medio termine, minori spese nell’ordine di 1,8 miliardi di euro / anno.

BP 129. Eliminare le Province

Eliminare le province. Alcuni consigli per procedere spediti condividi con questo commento
I risparmi derivanti dall’abolizione delle province condividi con questo commento
Abolishing Provincial governments in Italy: a few suggestions to hasten the condividi con questo commento
oggi, 20 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni