BP 108. I saldi: storia di un’assurdità italiana

L’evoluzione storica delle normative sui saldi mostra come essa sia motivata da una profonda sfiducia verso il mercato. In realtà nulla giustifica una specifica disciplina avente ad oggetto le vendite di fine stagione, pertanto esse vanno deregolamentate.


13 Gennaio 2012

Argomenti / Diritto e Regolamentazione

Silvio Boccalatte

scarica la ricerca integrale

La regolamentazione dei saldi nasce nel periodo fascista con l’obiettivo di correggere la “concorrenza selvaggia”. La regolamentazione fascista venne poi ripresa e riapplicata nel 1980 al fine di “moralizzare il mercato”. La determinazione dei periodi di saldo venne delegata alle Camere di Commercio.

Successivamente, nel 1991, la regolamentazione si fece ancor più restrittiva. Solo dal 1998 si è invertita la tendenza all’irrigidimento delle norme, contestualmente al trasferimento alle regioni della potestà legislativa in oggetto. La maggior parte delle regioni ha fatto scelte dirigiste. Nessuna di queste norme è giustificata e, anzi, esse hanno rilevanti profili anticoncorrenziali: le vendite promozionali, sottocosto o di fine stagione possono e devono essere interamente liberalizzate.

BP 108. I saldi: storia di un’assurdità italiana

I saldi: storia di un’assurdità italiana condividi con questo commento
Liberalizzazione del commercio: sì ai saldi liberi condividi con questo commento
Trade sales: lessons from an Italian absurdity condividi con questo commento
oggi, 12 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni