BP.105 Distribuzione locale gas: se le “aggregazioni” uccidono la concorrenza

Il tentativo di razionalizzare il settore del gas riducendone la frammentazione rischia di mancare l’obiettivo perché di fatto elimina un importante grado di libertà organizzativa e dunque di efficienza delle imprese.


2 Novembre 2011

Argomenti / Ambiente e Energia , Diritto e Regolamentazione , Politiche pubbliche

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

scarica la ricerca integrale

La distribuzione locale del gas potrebbe tornare in mano ai monopolisti pubblici.

La distribuzione locale del gas è stata oggetto di diversi interventi normativi e regolatori, tutti ispirati al principio che la frammentazione dei gestori fosse eccessiva. Tuttavia non esiste evidenza convincente sull’esistenza di economie di scala oltre una dimensione minima. Imporre una dimensione esagerata ai gestori rischia inoltre di produrre effetti anticompetitivi, rendendo meno contendibili le gestioni nonostante l’obbligo di affidamento tramite gara. L’analisi degli attuali gestori evidenzia come la riduzione degli ambiti a 177 rischierebbe di tutelare i monopolisti pubblici e deprimere gli investimenti. È possibile uscire da questa situazione consentendo un diritto di “opt out” ai comuni che intendono bandire gare in proprio, purché non partecipino con aziende da loro possedute.

BP.105 Distribuzione locale gas: se le “aggregazioni” uccidono la concorrenza

Distribuzione locale gas: se le ‘aggregazioni’ uccidono la concorrenza condividi con questo commento
Distribuzione locale del gas: attenzione agli effetti anticompetitivi condividi con questo commento
Local gas distribution: “aggregations” kill competition condividi con questo commento
oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni