Alitalia dopo il bando

Quali sono i nodi da risolvere per uscire dalla "crisi infinita”?


25 Maggio 2017

Argomenti / Economia e Mercato , Politiche pubbliche

Andrea Giuricin

scarica la ricerca integrale

Il 5 giugno scadrà il bando “per la raccolta di manifestazioni di interesse” per l’acquisizione di Alitalia. Ma quale può essere il futuro della ex compagnia di bandiera? Chi può davvero acquisirla? E cosa occorrerà fare per rilanciarla?

Ai Commissari è chiaro che la situazione non è facilmente recuperabile. Per tale ragione il bando è stato scritto in maniera tale da consentire potenzialmente un’ampia partecipazione e non chiudere a priori nessuna opzione. Nel paper vengono individuati alcuni nodi per risolvere la “crisi infinita” di Alitalia: ridurre i costi relativi al personale di terra; aumentare il load factor e contestualmente la produttività; ricapitalizzare; valutare costi e benefici di uscire dalla joint venture con Delta e AirFrance.

Alitalia dopo il bando

Alitalia ha un problema enorme di ricavi, non facilmente risolvibile condividi con questo commento
Il prestito ponte ad Alitalia rischia di rivelarsi l’ennesimo buco nelle tasche del contribuente condividi con questo commento
The Bridging loan to Alitalia might turn out to be paid for by the Italian taxpayers condividi con questo commento
oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni