AIRBnb e le tasse. Una storia di ordinario arbitrio fiscale

L'accanimento fiscale contro le piattaforme online potrebbe essere controproducente


Il maxi-sequestro di 779 milioni di euro operato dalla Procura di Milano nei confronti di Airbnb per presunta evasione fiscale, e il parallelo accordo tra la piattaforma online e l’Agenzia delle entrate per il versamento di 567 milioni di euro, sono manifestazioni di quell’incertezza e arbitrio del fisco che troppo spesso caratterizzano l’Italia.

Il provvedimento in esame genera diverse perplessità a partire dall’ipotesi di reato astrattamente contestata: l’“omesso versamento di ritenute certificate” previsto dall’art. 10 bis del D.Lgs. n. 74 del 2000 presupporrebbe che la società avesse indebitamente trattenuto gli importi che avrebbe dovuto versare all’erario, che risulta siano stati invece integralmente girati sui conti correnti degli host. In altre parole, non si vede come possano considerarsi “profitto del reato” importi che Airbnb non ha trattenuto per sé, ma ha interamente riversato ai locatori clienti della piattaforma.

AIRBnb e le tasse. Una storia di ordinario arbitrio fiscale

La procura di Milano ha disposto il sequestro di 779 milioni di euro ai danni di Airbnb per presunta evasione fiscale: ma la piattaforma non ha mai trattenuto quei denari condividi con questo commento
L'Italia l’unico paese ad aver previsto un meccanismo modellato sul tradizionale sostituto di imposta per la tassazione dei ricavi degli intermediari immobiliari online condividi con questo commento
L'accanimento fiscale contro le piattaforme online potrebbe spingere queste ultime a ridurre le proprie attività nel nostro paese. Il gioco vale la candela? condividi con questo commento
oggi, 17 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni