Adam Smith, a trecento anni dalla nascita

È nell’economia di mercato l’unica speranza che hanno i poveri di migliorare le proprie condizioni di vita


16 Giugno 2023

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Rainer Zitelmann

scarica la ricerca integrale

Si sa ben poco della vita di Adam Smith, neppure la sua data di nascita. Sappiamo però che proprio trecento anni fa venne battezzato. Qual è l’attualità del suo pensiero? E perché è importante leggere ancora oggi i suoi due celebri libri, la Teoria dei sentimenti morali e La ricchezza delle nazioni?

Ai nostri giorni, come anche nel passato, del pensiero di Adam Smith viene spesso data un’interpretazione alquanto approssimativa.Tra gli aspetti spesso trascurati dell’insegnamento di Smith, ci sono il suo interesse e la sua “empatia” nei confronti dei meno abbienti: per Smith la povertà non era una condizione pre-ordinata e sottolinea che l’unico modo per accrescere il livello di vita della popolazione consiste nella crescita economica. Una continua crescita economica è l’unica maniera per far salire i salari.

Come sappiamo bene ora, solamente grazie alla diffusione del capitalismo e dell’economia di mercato, la povertà assoluta si è drasticamente ridotta, passando dal 90% della popolazione mondiale nel 1820, al 9% attuale. Smith aveva previsto che soltanto un’espansione dei mercati avrebbe potuto condurre ad un aumento della prosperità e questo è proprio quanto è avvenuto dopo la fine delle economie socialiste pianificate.

Trecento anni dopo la nascita di Adam Smith e a duecentocinquanta anni circa dalla pubblicazione della sua opera maggiore, sappiamo che questo filosofo morale ed economista aveva ragione: la proprietà privata e l’economia di mercato sono le fondamenta della crescita e, se lo Stato non interferisce eccessivamente nell’economia, la vita di tutti, specialmente quella dei poveri, migliorerà.

Adam Smith, a trecento anni dalla nascita
oggi, 30 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni