Milei non è Trump

Cosa può imparare Meloni dalla dottrina anti trumpiana di Milei (e dai tre libri regalati al Papa)


13 Febbraio 2024

Il Foglio

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Ieri, quando ha incontrato Javier Milei, Giorgia Meloni si è trovata di fronte l’esponente di una destra strana, diversa da quella che lei è abituata a frequentare. Mentre la destra globale da Donald Trump a Viktor Orban, dai polacchi del PiS a Marine Le Pen si muove in una direzione nazional-conservatrice, Milei è qualcosa di nuovo, o forse di antico, sicuramente di diverso.

Né nazionalista né conservatore, se non nel senso di “fiscal conservative”, che potremmo tradurre come “rigorista”. Lo certificano i libri che ha regalato a Papa Francesco: “L’azione umana” di Ludwig von Mises (pubblicato in Italia da Rubbettino), “La presunzione fatale” di Friedrich von Hayek e “Pandemia e dirigismo” di Jesús Huerta de Soto e Bernardo Ferrero (entrambi editi da Ibl Libri).

continua a leggere sul Foglio.it

oggi, 25 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni