Lo statalismo ha minato la pace sociale

Quando la coperta si fa corta, è fatale che le tensioni sociali crescano

13 Febbraio 2022

Il Giornale

Carlo Lottieri

Direttore del dipartimento di Teoria politica

Argomenti / Politiche pubbliche

Quando la coperta si fa corta, è fatale che le tensioni sociali crescano. E non è quindi sorprendente che, con l’inflazione che sta mettendo in difficoltà i bilanci di imprese e famiglie, si inizi ad assistere a conflitti tra le parti, in grado di peggiorare una situazione già drammatica. Intervenendo ieri al congresso Assiom Forex, il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco ha invitato a considerare l’aumento del livello generale dei prezzi quale fenomeno passeggero: come fosse una tantum, una tassa destinata a non lasciare gravi conseguenze. In particolare, per Visco bisogna evitare quella che ha chiamato «la futile rincorsa tra salari e prezzi» che già abbiamo conosciuto negli anni Settanta. E sulla stessa lunghezza d’onda s’è collocato Carlo Bonomi, egualmente convinto che uno scontro tra imprese e lavoratori non serva al Paese. Inutile aggiungere che le parole del leader della Confindustria hanno subito suscitato aspre reazioni da parte sindacale.

Non bastasse questo, Visco è intervenuto pure sulla questione del mercato del lavoro, sottolineando che per incrementare la produttività bisogna fare il possibile affinché lavorino di più i giovani, le donne e anche chi ha 70 anni. In tal modo il governatore si è schierato contro i fautori della flessibilità in uscita e dalla parte di chi chiede un allungamento dell’età lavorativa. Insomma, ora i nodi vengono al pettine. Dopo anni di politiche monetarie espansive da parte della Bce abbiamo a che fare con prezzi in crescita, i quali stanno rendendo sempre più complicata l’esistenza di chi vive con uno stipendio. E se gli automatismi salariali non sono mai efficaci, è pur vero che c’è bisogno di un mercato del lavoro più libero, che permetta alla domanda e all’offerta di incontrarsi su quei livelli che soddisfano entrambi i negoziatori.

Anche i conflitti sulle pensioni attestano il fallimento delle logiche stataliste. Se il finanziere Bernie Madoff fu condannato negli Usa a 150 anni di prigione, che pena dovremmo immaginare per quanti hanno architettato e gestito (politici e presidenti Inps) quell’immenso sistema Ponzi che è la previdenza pubblica? Ora il disastro è fatto e rimediare non sarà facile. L’interventismo ha prodotto enormi disastri economici. Gli scontri che vediamo all’orizzonte ne sono la conseguenza diretta.

da Il Giornale, 13 febbraio 2022

oggi, 18 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni