C'è lavoro per Saviano

Lo scrittore demonizza la logica del profitto, grazie alla quale però si vive di più e con meno povertà

3 Maggio 2023

Il Foglio

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

Argomenti / Economia e Mercato

Roberto Saviano ha approfittato della ricorrenza del Primo maggio, Festa del lavoro, per dichiarare tutto il suo “orrore” per il profitto, la competizione, il merito, la precarietà, la disoccupazione, l’occupazione, la fatica. “C’è stato un tempo – ha scritto sui social – in cui esistevano organizzazioni politiche che volevano abbattere il lavoro, in cui gli intellettuali cantavano l’ozio e la pigrizia come condizioni uniche di libertà, in cui le menti credevano che la tecnologia avesse una sola direzione: liberare l’umanità dalla fatica e dal lavoro salariato”. Secondo lo scrittore, non è più così: “L’unico destino è esser travolti da una fatica sempre più grande e sempre fatale. Più lavoro e meno risorse, meno tempo, meno vita”. Saviano chiude la riflessione citando André Breton che, essendo il poeta del surrealismo, forse fornisce la chiave giusta per l’intera vicenda.

continua a leggere su ilFoglio.it

oggi, 30 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni