La politica decide per i negozianti

Presaldi, solo con le carte fedeltà

30 Ottobre 2014

Corriere della Sera

Alberto Mingardi

Direttore Generale

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Per «sollecitare i singoli negozi a fidelizzare la clientela», l’assessore regionale al commercio Parolini ha proposto ai commercianti di autorizzare sì i presaldi, ma solo con le carte fedeltà. Sembrerebbe un passo in avanti nella direzione della liberalizzazione. E tuttavia è curioso che all’autorizzazione dei saldi anticipati si accompagni la volontà di decidere, politicamente, quale debba esserne la clientela.

A Milano si dice: «Ofelè fa el to mesté». Ognuno veda per l’appunto di far bene il proprio mestiere, che già non è poco. I commercianti, dal momento che sono esseri umani al pari dei politici, sicuramente sbaglieranno. Ma non è del tutto irragionevole immaginare che il problema di come fidelizzare la propria clientela, vendano maglioni di cachemire oppure gelati, l’abbiano ben presente. La carta fedeltà è uno strumento come tanti: va bene per alcune rivendite, meno per altre. È uno strumento utilizzato dai grandi supermercati, forse funziona meno bene per altri tipi di esercizi. Per i quali, magari, oggi è più importante strappare un «Like» su Facebook, che regalare la tessera di un club poco o punto esclusivo. Forse davvero la Regione dovrebbe pensare ad altro: ofelè fa el to mesté. E invece le vendite promozionali sono un eterno tormentone della politica italiana, come pure di quella lombarda.

Dal Corriere della sera, 30 ottobre 2014
Twitter: @amingardi

oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni