L'Antitrust boccia l'Atac e obbliga Gualtieri a bandire una gara (grazie al Pnrr)

Fallisce il tentativo di Roma Capitale di rinnovare l'affidamento all'azienda del trasporto pubblico


31 Gennaio 2024

Il Foglio

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

Argomenti / Politiche pubbliche

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha bocciato l’affidamento diretto ad Atac del servizio di trasporto pubblico locale per Roma Capitale. L’Antitrust impugnerà, quindi, di fronte al Tar la delibera con cui il sindaco Roberto Gualtieri rinnova il contratto di servizio per il periodo 2024-2027, giudicando gli argomenti impiegati per giustificare tale scelta “carenti, non documentate e contraddittorie”. Si tratta del primo effetto della riforma dei servizi pubblici locali adottata, nell’ambito del Pnrr, dal governo guidato da Mario Draghi e confermata dal governo di Giorgia Meloni. E costituisce un precedente potenzialmente rivoluzionario, perché mette in discussione l’intera organizzazione dei servizi pubblici locali nella maggioranza dei comuni italiani.

continua a leggere su ilFoglio.it

oggi, 17 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni