In arrivo una stangata da quasi un miliardo per le Slot

A darne notizia uno studio IBL presentato da Lucio Scudiero

21 Novembre 2014

Cronache del garantista

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Un prelievo fiscale che passa dal 53 al 68,7 per cento sul margine operativo lordo per le Awp (le new Slot) e dal 46,9 all’82,3 per cento per le Videolottery. Questa la differenza nella tassazione per il settore degli apparecchi da intrattenimento tra 2014 e il 2015, nel caso dovessero essere applicate le nuove aliquote previste dalla legge di stabilità. A darne notizia lo studio Gli effetti negativi dell’aumento del prelievo erariale unico (PREU) sugli apparecchi di intrattenimento con vincite in denaro dell’Istituto Bruno Leoni, presentato da Lucio Scudiero nel corso del convegno “Fine del modello italiano dei giochi?” che si è tenuto a Roma nei giorni scorsi, organizzato dalla Fondazione Unigioco. Quali saranno gli impatti sulla filiera?

Considerando le stime sui dati raccolta 2014 per le AWP il settore pagherà un PREU pari al 17 per cento come previsto dalla legge stabilità, mentre, visti i tempi stimati da Sogei per la certificazione, il payout resterà fermo ad una media del 74,80 per cento (e non al 70). Questo disallineamento temporale comporterà per i concessionari un aggravio di costi quantificabili per le AWP in almeno 900 milioni annui. Per le VLT il comparto pagherà un PREU pari al 9 per cento, mentre il payout resterà fermo al 88,70 per cento (e non all’81). Per le VLT, invece, resterà all’intera filiera (e non al solo concessionario come avviene ora) il 2 per cento lordo (contro l’attuale 6) dal quale occorre scorporare ancora gli ulteriori oneri (costi del lavoro, costo della piattaforma, oneri finanziari …) rendendo quindi antieconomico il business e spingendolo alla chiusura.

L’aumento della tassazione del 4 per cento sul volume di gioco netto, sia per Awp sia per le Vlt non potrà, infatti, ricadere immediatamente sul payout. La modifica del prelievo richiede adeguamenti tecnologici del software presente negli apparecchi, stimati da Sogei in circa due anni rendendo impossibile per il concessionario abbassare il payout (le vincite) riconosciute al giocatore. Nel prossimo biennio, pertanto, il peso della nuova tassazione (+4 per cento) graverà integralmente sul concessionario. I rischi, secondo questa previsione di mercato saranno una minore attrattività per il mercato lecito e pertanto maggiore enfasi per il mercato illegale (si ritornerebbe al mercato incontrollato dei videopoker). E ancora, forti impatti sull’occupazione e sugli investimenti internazionali (presenza diffusa di fonti di investimento esteri che farebbero ulteriormente perdere credibilità all’Italia a causa della scarsa affidabilità), contrazione del mercato delle tecnologie e delle telecomunicazioni e chiusura dei concessionari degli apparecchi e probabile avvio di azioni risarcitorie nei confronti dello Stato e contrazione del gettito erariale e minore visibilità dei fenomeni di gioco patologico.

Da Cronache del garantista, 20 novembre 2014

oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni